Opportunità

Bookmark and Share
I Centri per l'Impiego

I Centri per l'Impiego

Subentrati agli Uffici di Collocamento, i Centri per l’Impiego offrono ai cittadini iscritti servizi di accoglienza, informazione, orientamento, preselezione e collocamento mirato

I Servizi per l’impiego rientrano nell’area di competenza del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Si rivolgono a lavoratori e imprese con l’obiettivo di favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Si occupano della prima accoglienza e dell’orientamento del lavoratore. Forniscono informazioni sul mondo del lavoro, la normativa e le opportunità di impiego, nonché sui percorsi formativi finalizzati all’inserimento o al reinserimento lavorativo.

Le norme sul collocamento ordinario sono state profondamente innovate negli ultimi anni. In particolare, sono state conferite alle Regioni e alle Province le funzioni e i compiti relativi al collocamento e alle politiche attive del lavoro. Sono state semplificate le procedure di collocamento e introdotte misure per agevolare l’inserimento nel mercato del lavoro. È stato infine consentito l’ingresso dei privati nell’attività di mediazione tra domanda e offerta di lavoro.

Tra i gli strumenti predisposti in questo ambito rientrano i Centri per l’Impiego (CPI), strutture pubbliche gestite a livello locale dalle Amministrazioni Provinciali.

I Centri per l’Impiego della Provincia di Roma

In risposta alle attuali esigenze del mondo del lavoro, ormai da alcuni anni è avvenuta la trasformazione degli ex Uffici di Collocamento negli attuali Centri per l’Impiego.
I Centri per l’Impiego della Provincia di Roma rappresentano il punto d’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro, un collegamento attivo tra i percorsi dell’istruzione, della formazione professionale e dell’apprendistato.
L’obiettivo è quello di rafforzare la continuità tra formazione e lavoro e favorire il primo inserimento lavorativo, o il reinserimento a conclusione di un precedente rapporto di lavoro.
I Centri per l’Impiego della Provincia di Roma si propongono inoltre di aumentare la consapevolezza dei cittadini rispetto ai propri diritti, di diffondere la conoscenza delle norme sulla sicurezza e incentivare l’iniziativa individuale per l’inserimento professionale nel territorio. Prioritarie sono le azioni che riguardano le fasce deboli: immigrati, donne, soggetti usciti dal mercato del lavoro, come gli adulti disoccupati.

I destinatari

Le attività dei Centri per l’Impiego sono rivolte a tutti i cittadini disoccupati o inoccupati, in cerca di occupazione o di opportunità formative, e i i lavoratori occupati che percepiscono un reddito non soggetto ad imposizione fiscale. L’età minima per iscriversi ai CPI sono 16 anni compiuti: per l’iscrizione è infatti necessario aver assolto all’obbligo scolastico. Possono infine effettuare l’iscrizione ai CPI anche le imprese che desiderino usufruire dei servizi offerti.
I CPI Sapienza, Sapienza - Economia, Roma Tre, Tor Vergata e LUISS erogano servizi esclusivamente per studenti universitari o laureati.

Benefici
Tra i benefici cui l’iscrizione ai CPI dà accesso, c'è la possibilità di assunzioni agevolate, la possibilità di partecipare a bandi pubblici promossi dal CPI, di frequentare corsi di formazione professionale gratuiti, di richiedere l’indennità di disoccupazione, di ottenere specifiche esenzioni

L’iscrizione

I cittadini italiani, comunitari e stranieri regolarmente soggiornanti in Italia in cerca di occupazione dichiarano presso i Centri per l’Impiego la loro immediata disponibilità al lavoro. L’iscrizione non è obbligatoria, ma permette di usufruire di servizi e vari benefici.
In seguito all'entrata in vigore del Decreto Legge 34 del 20 marzo 2014, l’iscrizione presso il Centro Impiego non è più legata al domicilio, ma è possibile dare la propria disponibilità al lavoro in un qualsiasi CPI presente sul territorio nazionale.
Per iscriversi è necessario recarsi presso un Centro per l’Impiego e riempire una scheda anagrafico/professionale contenente dati personali, titoli di studio, eventuali esperienze lavorative (anche non in regola ), le proprie attitudini, predisposizioni ed esigenze, la disponibilità a turni, orari, trasferte e mobilità.
Il nuovo iscritto riceverà una copia della scheda, insieme a user id e password personali per accedere ai servizi online.
La disponibilità al lavoro deve essere comunicata personalmente, non sono accettate deleghe ad altre persone.
Per l’iscrizione è necessario presentare:

  • un documento di riconoscimento
  • il codice fiscale
  • un elenco dei titoli posseduti, in copia semplice (in alternativa i titoli possono essere autocertificati dall’utente, purché riportino dettagliatamente tutti i dati richiesti).

I cittadini extracomunitari devono presentare copia del permesso di soggiorno o cedolino di rinnovo.
I minori devono essere accompagnati da un genitore o da chi ne esercita la potestà familiare.

Iscrizione nelle liste di mobilità
Il servizio agevola il reinserimento lavorativo di chi è stato licenziato per esubero di personale da aziende che rientrano nel campo di applicazione CIGS. Presuppone lo stato di disoccupazione ed è condizione per la concessione dell’indennità di mobilità erogata dall’INPS.

Il certificato di disoccupazione
A tutti coloro che ne fanno richiesta, il CPI fornisce il Certificato di disoccupazione, dove si attesta lo stato di disoccupazione, utile per ottenere esenzioni e per registrare l’anzianità di iscrizione al CPI stesso.

Indennità di disoccupazione: moduli per la domanda
L’INPS ha introdotto una nuova procedura per richiedere l'indennità Aspi e mini-Aspi al fine di rendere esplicita l'immediata disponibilità da parte del disoccupato. La circolare INPS n.154 del 28 ottobre 2013 stabilisce infatti che il lavoratore, anziché rilasciare la dichiarazione al Centro per l'Impiego relativo alla propria zona di residenza, può renderla al momento della presentazione della domanda di indennità nell'ambito dell'Aspi. Per questo, l'INPS ha provveduto ad aggiornare la modulistica per la presentazione della domanda telematica Aspi e mini-Aspi da parte dei cittadini, Patronati e call-center.
Nello specifico, l'utente deve:

  • indicare che si è già recato al Centro per l'Impiego per attestare lo stato di disoccupazione
  • oppure rendere la dichiarazione di immediata disponibilità direttamente all'INPS compilando i campi appositi dei nuovi moduli.

A loro volta, i Centri per l'impiego si accrediteranno presso l'INPS con uno specifico Pin per poter consultare le dichiarazione rese dai beneficiari delle prestazioni.

Orientamento

I Centri per l’Impiego della Provincia di Roma mettono a disposizione degli utenti un servizio di orientamento che fornisce risposte personalizzate sulla base delle esigenze dei singoli cittadini, anche attraverso la stipula di un Patto di Servizio e la definizione di un Piano di Azione Individuale.
Il Patto di Servizio è un accordo tra il Centro per l’Impiego e i suoi utenti, che definisce le condizioni di erogazione  e di fruizione dei servizi. È destinato a lavoratori o apprendisti licenziati per crisi aziendali o occupazionali e ai disoccupati che intendono frequentare corsi di formazione. Consiste, concretamente, in un colloquio di orientamento, per individuare le priorità da attuare per l’inserimento o il reinserimento nel mercato del lavoro. A conclusione del colloquio viene redatto il Piano di Azione Individuale (PAI) che riporta i dati anagrafici, quelli relativi alla condizione occupazionale della persona e le azioni predisposte per l’inserimento o il reinserimento lavorativo.

La ricerca di lavoro in aziende private

Gli utenti in cerca di occupazione possono consultare le offerte di lavoro promosse dai Centri per l’Impiego. Per la preselezione presso aziende private è necessario presentare personalmente la proprio candidatura, attraverso un apposito modulo reperibile anche presso i CPI.
Le persone occupate e non iscritte presso i CPI di Roma o provincia possono partecipare ugualmente alle preselezioni, ma le loro candidature rimarranno in coda rispetto agli utenti disoccupati e agli iscritti nei CPI.
Gli utenti iscritti o domiciliati fuori provincia possono presentare le loro candidature via fax o via mail, direttamente al CPI che ha pubblicizzato l’offerta a cui sono interessati. Sarà poi il Centro per l’Impiego a far pervenire le candidature all’azienda, che fisserà un colloquio solo per chi risulterà idoneo.

La ricerca di lavoro nella Pubblica Amministrazione

Solo per profili professionali per i quali è richiesto il requisito della scuola dell’obbligo, presso i Centri per l’Impiego si effettuano selezioni per l’inserimento lavorativo in Enti Pubblici. Per i profili che richiedono requisiti di livello superiore è invece necessario il concorso pubblico.
L’inserimento nella Pubblica Amministrazione attraverso i CPI è riservata ai cittadini italiani e comunitari iscritti presso il CPI che ha emesso il bando, in possesso del titolo di studio richiesto ed eventualmente di una qualifica, che abbiano assolto all’obbligo di istruzione.
I cittadini extracomunitari non possono partecipare alle selezioni, tranne per i casi di permesso di soggiorno come rifugiato politico o per protezione sussidiaria.

Il collocamento dello spettacolo

Con il Decreto Legge 112/2008 non esiste più la lista speciale dei lavoratori dello spettacolo, riservata al personale artistico e tecnico da impiegare con rapporto di lavoro subordinato e autonomo. Pertanto non esiste più il Collocamento dello spettacolo. Anche i lavoratori dello spettacolo, quindi, rientrano nella normativa e nella prassi valida per tutti gli altri lavoratori.

Il collocamento obbligatorio

Presso i CPI è possibile candidarsi anche alle offerte di lavoro del collocamento obbligatorio.
Il collocamento obbligatorio (Legge 68 del 1999) è riservato a determinate categorie:

  • disabili (persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e portatori di handicap intellettivo, con una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%, persone invalide del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33%, persone non vedenti o sordomute, persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio);
  • orfani e coniugi superstiti di deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio;
  • soggetti equiparati (i coniugi ed i figli superstiti di soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di servizio, di guerra, di lavoro);
  • profughi italiani rimpatriati;
  • vittime del terrorismo.

Gli orfani e i figli dei soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di guerra, di servizio e di lavoro possono iscriversi se minori di età al momento della morte del genitore. Sono considerati minori i figli fino al compimento dei 21 anni d’età, se studenti scuola superiore, fino a 26 anni, se universitari.
Per iscriversi al collocamento obbligatorio è necessario essere disoccupati (tranne che per le vittime del terrorismo) e non aver raggiunto l’età pensionabile.

Eures
Nei CPI sono presenti anche i referenti della rete Eures - European Employment Services, istituita dall’Unione Europea per favorire l’incontro domanda/offerta di lavoro, la mobilità territoriale e la libera circolazione dei lavoratori nei paesi UE e in Svizzera.

Le sedi dei CPI della Provincia di Roma
I Centri per l’Impiego sono capillarmente dislocati nel territorio: a Roma città,  nell’area provinciale e presso  sedi  universitarie.
Per individuare il proprio CPI di competenza è possibile consultare online l’Elenco completo dei CPI della Provincia di Roma  sul sito RomaL@bor, il nuovo portale della Provincia di Roma interamente dedicato al mondo del lavoro e ai CPI.

Informazioni

Provincia di Roma - URP

Indirizzo: Via Quattro Novembre, 102/c - 00187 ROMA (RM)

Telefono: 06.67667324 - 06.67667326 - 06.67667564 - 06.67667151 - 06.67667325 - 06.67667302

Fax: 06.67667328

Email:
info@provincia.roma.it
urp@pec.provincia.roma.it

Sito web: http://www.provincia.roma.it

Fonti

Sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Portale istituzionale della Provincia di Roma
Portale Lavoro della Provincia di Roma Romal@bor

Parole chiave

lavoro orientamento Centri per l'Impiego EURES Provincia di Roma ricerca di lavoro collocamento disoccupazione Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali accesso al lavoro disoccupati inoccupati CPI

Ultimo aggiornamento 05/12/2014