Approfondimenti

Bookmark and Share
Visti per l’Australia

Visti per l’Australia

Per studiare, lavorare o viaggiare per turismo, in Australia è indispensabile essere dotati di un visto: ecco come richiedere quello più adatto

Entrare in Australia 

Tutti gli stranieri che si recano in Australia devono essere in possesso di un visto valido. È molto importante fare attenzione alle date e alla regolamentazione. Chi viene trovato senza alcun visto o con visto scaduto viene immediatamente allontanato e potrebbe essere escluso in futuro da altre visite nel paese. La burocrazia ha un peso rilevante in Australia, ma è una garanzia di correttezza per chi entra nel paese e vi soggiorna. I giovani, i backpackers come vengono definiti, arrivano in Australia soprattutto dall’Europa Occidentale: ai primi posti UK, Germania e Francia. Predominano i giovanissimi, 18-24 anni, e molti di loro hanno intenzione di fare anche esperienze di lavoro. Tra le attività che si possono svolgere grazie ad uno dei visti più accessibili per i giovani, oltre ai classici lavori per studenti, segnaliamo anche quelle che riguardano progetti legati all’ambiente, come la protezione di specie selvatiche o la salvaguardia l’habitat naturale, i lavori stagionali di raccolta nel settore agricolo e il volontariato.

Torna su

Tipologie di visti 

Le numerosissime tipologie di visti sono raggruppate in classi e sottocategorie che individuano determinati profili o attività. Esistono visti per:

  • professionisti e lavoratori qualificati alla ricerca di lavoro o di business in Australia;
  • persone che si trasferiscono permanentemente in Australia o lavoratori temporanei;
  • turisti, studenti-lavoratori, persone in transito, in visita a familiari o amici, in visita per affari o eventi;
  • studenti e persone alla ricerca di opportunità di studio, di tirocinio o di esperienze di qualificazione professionale;
  • lavoratori qualificati sponsorizzati da società o datori di lavoro australiani;
  • persone che usufruiscono di programmi umanitari o per rifugiati in Australia.

L'elenco completo di tutte le tipologie di visto e i relativi form online per presentare la richiesta sono disponibili sul sito del Department of Immigration and Border Protection.

Le informazioni, suddivise per aree di interesse, sono rivolte a chi è interessato a:

Sul sito del Dipartimento sono presenti una sezione informativa Help and support, che fornisce un elenco molto esteso e dettagliato di risposte alle Frequently asked questions (FAQs) e consente di ricevere direttamente informazioni personalizzate tramite appositi Contact form, e una sezione dedicata ai Servizi online.
La banca dati Find a visa aiuta ad individuare, tramite una ricerca mirata, la tipologia di visto che più si adatta alle caratteristiche, alle condizioni e alle esigenze personali. Fornisce informazioni complete sul visto, inclusi i costi stimati e le spese aggiuntive per controlli sanitari, documenti e certificati vari eventualmente richiesti.

Torna su

Visti per studiare in Australia 

In particolare, per i giovani interessati ad un'esperienza di formazione in Australia esistono numerose classi di visti. La scelta del visto studentesco più appropriato dipende in primo luogo dal tipo di studi che si vuole intraprendere. Tra i più diffusi, si segnalano:

  • Independent ELICOS - English Language Intensive Courses for Overseas Students (Subclass 570)
  • Schools (Subclass 571)
  • Vocational Education and Training (Subclass 572)
  • Higher Education (Subclass 573)
  • Postgraduate Research (Subclass 574)
  • Non-award (Subclass 575)
  • AusAID or Defence (Subclass 576).

Il visto studentesco consente di studiare a tempo pieno, viaggiare e lavorare. Viene infatti concesso automaticamente il permesso di lavoro. Si può cominciare a lavorare solo dopo l’inizio dei corsi e solo per un monte ore definito. Non vi sono invece limitazioni di ore durante le pause accademiche. Si consiglia di verificare le clausole da rispettare obbligatoriamente per ottenere il visto studentesco, in particolare in relazione all’assicurazione sanitaria. Gli studenti stranieri non hanno diritto al Medicare, il sistema medico-assicurativo australiano. Il Ministero dell'Immigrazione richiede che si mantenga l’assicurazione sanitaria Overseas Student Health Cover (OSHC) per l’intera durata del visto.

Per periodi di studio più brevi si può optare per un visto turistico, Visitor Visa, che consente di studiare fino a 3 mesi o per il Working Holiday Visa, per un periodo di studio fino a 4 mesi.
È inoltre previsto un visto specifico per chi intende risiedere in Australia come tutore di uno studente minorenne: lo Student Guardian Visa (Subclass 580).

Torna su

Working Holiday Visa 

Il Working Holiday Visa (WHV) esiste ormai da qualche decennio. È nato per incoraggiare gli scambi culturali tra i paesi firmatari e creare maggiore integrazione. Quella del lavoro è un’opportunità aggiunta per consentire ai ragazzi di finanziarsi in parte la vacanza-studio: una scelta che si è rivelata vincente. Il Working Holiday Visa è uno strumento molto duttile che permette viaggiare e lavorare part-time o full-time in Australia per 12 mesi. Nell'arco di questo periodo si può lavorare con lo stesso datore di lavoro consecutivamente fino a 6 mesi e studiare fino a 4 mesi, imparando l'inglese in un ambiente madrelingua. Con il WHV è possibile uscire e rientrare dal paese un numero illimitato di volte, entro l'anno, senza che questo comporti però l’estensione della validità del visto.
È riservato a cittadini di un ridotto numero di nazioni, tra cui l’Italia, con età compresa tra i 18 e i 30 anni (fino al giorno prima del compimento del 31° anno). Nello specifico, i giovani italiani possono accedere al Working Holiday Visa (Subclass 417).
Il WHV deve essere richiesto prima di arrivare in Australia. Per ottenerlo è necessario sottoporsi ad accertamenti medici a pagamento. È consigliabile inoltre avere un’assicurazione di viaggio e/o assicurazione sanitaria.

Torna su

Programmi regionali per i lavoratori 

Tra le opportunità di lavoro in Australia, si segnalano quelle offerte dai programmi realizzati dal Governo Australiano, in collaborazione con le autorità locali, per incentivare i flussi di immigrazione in determinate aree del paese. I programmi regionali sono volti in particolare a favorire lo sviluppo dei territori della rural and regional Australia e offrono ai lavoratori interessati la possibilità di aderirvi grazie a requisiti di accesso e termini di svolgimento più ampi e flessibili, anche in relazione ai visti.
La rural and regional Australia copre tutto il paese con l'eccezione di Brisbane, della Gold Coast, di Sydney, Newcastle, Wollongong e Melbourne. Tra le aree che offrono opportunità di lavoro e un'intensa esperienza di viaggio, quella del South Australia.

Torna su

Come richiedere un visto 

Chi non è cittadino Australiano, per entrare in Australia ha bisogno di un visto, che deve essere richiesto prima di lasciare il proprio paese.
L’Ambasciata d’Australia in Italia fornisce ai cittadini italiani informazioni e indicazioni su chi contattare per ottenere un visto, ma non si occupa direttamente delle domande di visto o di cittadinanza.
Le procedure per le richieste da parte di persone residenti in Italia possono essere eseguite tramite i servizi online (eVisa), attraverso i centri preposti in Australia o contattando l’Ufficio Visti dell’Ambasciata d’Australia a Berlino.
Lo Europe Service Centre (ESC) è un centro servizi multilingue che si trova a Londra e fornisce informazioni su visti e cittadinanza, anche in italiano.

Torna su

Altri riferimenti utili 

Torna su

Ultimo aggiornamento 05/03/2014